Più che di frontr a una quinta ondata potremmo trovarci di fronte alla prima ondata di un virus depotenziato anche se contagierà tutti. Lo sottolinea l’infettivologo Matteo Bassetti, del Policlinico San Martino di Genova, facendo il punto sulla situazione pandemica in Italia: “Non credo che siamo di fronte a una quinta ondata. Forse ad una prima ondata di una infezione completamente diversa rispetto a quella che abbiamo visto a gennaio-febbraio di quest’anno. Forse è la prima ondata di un virus depotenziato perché non è paragonabile alle precedenti quattro ondate e perché i nostri ospedali hanno pressione zero. Ovvero, questo aumento dei contagi non porta ad una malattia grave“.

Se vediamo i numeri, l’incremento dei nuovi casi ha 10-15 giorni di vita e quindi avremmo già dovuto vedere un aumento sui ricoveri e sulle terapie intensive se avesse portato ad una malattia grave. Dobbiamo monitorare, fare attenzione ma i vaccini funzionano eccome“.

La variante può colpire più volte – “La variante Omicron 2 non mi pare così aggressiva, è molto contagiosa e l’aumento dei casi è la prova. Può recidivare nel 3-4% dei casi. Omicron rispetto a Delta, secondo uno studio pubblicato su “Cell“, fa produrre un numero di anticorpi dieci volte inferiore, in qualche modo è in grado di colpire più volte anche a distanza ravvicinata. I contagi cresceranno ancora ma non ci saranno le forme gravi”, prosegue Bassetti.

Terza dose anche dopo infezione – Il ciclo vaccinale con la dose booster non è bucato dalla variante Omicron 2, ma nel nostro paese abbiamo molti che hanno fatto due dosi vaccino e poi la malattia. Se è vero che con Omicron 2 si ha una risposta immunitaria dieci volte inferiore, forse vale la pena per queste persone di fare la terza dose anche dopo l’infezione naturale. Magari nelle persone più anziane e con comorbidità anche dopo aver avuto Omicron dovrebbero fare la terza dose”.

A cura di Silvia Camerini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui