TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

BARCELLONA CHE FAVOLA

BARCELLONA-PSG 6-1

Dopo il clamoroso 4-0 incassato in Francia, il Barcellona di Luis Enrique è chiamato all’impresa per provare a ribaltare il risultato e strappare una qualificazione ai quarti di finale di Champions League che avrebbe del miracoloso. La partita per i blaugrana inizia subito nel migliore dei modi: Luis Suarez, dopo appena tre minuti, approfitta dell’incertezza di Trapp in uscita per superare il portiere del Psg con un colpo di testa che rende la ‘remuntada’ più credibile.

La squadra di Luis Enrique continua a premere il piede sull’acceleratore e sfiora il raddoppio prima con la punizione di Messi e poi con Neymar, il cui tiro-cross finisce di un soffio a lato. Raddoppio che, però, arriva puntualmente in chiusura di primo tempo: Marquinhos si addormenta in area e lascia Iniesta libero di colpire di tacco. Lo sfortunato Kurzawa devia la palla che finisce in rete e permette al Barcellona di dimezzare lo svantaggio all’intervallo.

Lo show dei padroni di casa prosegue anche ad inizio ripresa quando il direttore di gara assegna subito un calcio di rigore: Meunier si lascia superare da Neymar in area e lo stende. Messi dagli 11 metri è perfetto e segna il gol del 3-0 che fa esplodere il Camp Nou e che atterrisce i tifosi del Psg.

La replica della squadra di Emery è affidata a Cavani, la cui conclusione si stampa però sul palo che nega all’uruguaiano la gioia del gol. E’ proprio l’ex Napoli ad infrangere i sogni di un Barcellona a trazione completamente anteriore. Al 62esimo lancio lungo dalla difesa, Kurzawa si inserisce in area e fa da sponda per il ‘Matador’ che, dal limite, calcia fortissimo sotto la traversa. Quando sembrava che il Barça avesse ormai smesso di crederci, i padroni di casa riaprono incredibilmente i giochi.

All’89esimo minuto Neymar, con una magia su calcio di punizione, sigla il gol del 4-1 e solo 2 minuti più tardi, in pieno recupero, ancora il brasiliano, ancora su calcio di rigore, segna la rete del 5-1 che trasforma il Camp Nou in una vera e propria bolgia. Tutti gli uomini di Luis Enrique si gettano a capofitto in attacco e, a tempo quasi scaduto, Sergi Roberto riscrive la storia: il gol del 6-1 fa impazzire di gioia Luis Enrique e tutto il popolo blaugrana e permette al Barça di volare ai quarti di finale dopo il 4-0 di Parigi.

BORUSSIA DORTMUND-BENFICA 4-0

In Portogallo era stato il Benfica a festeggiare, sebbene l’1-0 non permetta alla squadra di Rui Vitoria di dormire sonni tranquilli. Ed infatti, dopo appena 5 minuti, il Borussia Dortmund trova subito il gol che rimette totalmente in discussione il discorso qualificazione. Al quinto minuto Pulisic fa la torre da calcio d’angolo e sul secondo palo trova l’ex Milan Aubameyang che mette la palla in rete.

I padroni di casa vogliono a tutti i costi la qualificazione e sono proprio i tedeschi ad andare a più riprese vicino al gol del raddoppio. Fino al 23esimo minuto i portoghesi non si rendono mai pericolosi dalle parti di Burki ma, per loro fortuna, la prima frazione si chiude sul punteggio di 1-0 che lascia tutto ancora apertissimo.

Una super partenza del Borussia Dortmund in avvio di secondo tempo taglia le gambe al Benfica. Nel giro di due minuti i tedeschi piazzano un uno-due devastante che chiude la questione. Al 59esimo minuto è Pulisic a beffare Ederson, mentre al 61esimo è Aubameyang a siglare la sua personalissima doppietta. Nel finale il Dortmund, ancora con l’ex attaccante del Milan, trova addirittura il poker che permette ai gialloneri di vincere 4-0 e di qualificarsi ai quarti di finale di Champions League.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *