TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

ATTESA PER LA SQUADRA DI DRAGHI

Finite le lunghe consultazioni con tutte le delegazioni politiche e i sindacati, sono ore di riflessione e contatti per il presidente del Consiglio incaricato Mario Draghi, atteso al Quirinale, forse già oggi, per sciogliere la riserva, lista dei ministri alla mano e formare il nuovo esecutivo. Accelera la formazione del nuovo governo, dopo il via libera anche del Movimento cinque stelle. Ora il premier incaricato ha il quadro completo della maggioranza e può chiudere il puzzle della squadra di governo. Cresce l’attesa dei partiti e dei media, ma il timing e la lista dei ministri restano nelle mani del professore. Se sul giuramento i tempi non si conoscono con certezza, sembra invece chiaro che il voto di fiducia alle Camere avverrà all’inizio della prossima settimana, martedì al Senato e mercoledì a Montecitorio.

Nicola Zingaretti si è espresso così: su squadra ci affidiamo a Draghi e Mattarella “Abbiamo indicato con grande chiarezza al professor Draghi quali sono i nostri progetti, le nostre idee, i nostri valori, per l’esperienza che inizia. Ora aspettiamo, ci rimettiamo nelle mani del professor Draghi e del presidente Mattarella per quella che sarà la squadra di governo”.

Matteo Salvini sempre più deciso: “Contro il covid niente litigi o ideologie, è tempo di lavorare per ricostruire il Paese, mettendo da parte antipatie e simpatie. Messaggio con un no ai temi divisivi dal leader della Lega Matteo Salvini, che registra sintonia con il presidente incaricato ‘sui temi concreti e sulle urgenze vere dell’Italia’. Sul voto la valutazione si farà dopo aver visto la squadra e il programma, dice invece la numero uno di FdI Giorgia Meloni, che spiega di non aver mai considerato il sostegno a Draghi, perché ‘i migliori sono quelli scelti dal popolo’, dice. La guida delle commissioni di garanzia? ‘E’ un tema che non ci siamo posti. Non faccio scelte sulla base delle poltrone che porto a casa”.

A cura di Renato Lolli – Foto Imagoeconomica

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *