Ursula von der Leyen
Sembra tutto opportunamente “studiato” dai “soloni” che compongono la Commissione Europea per colpire gli Agricoltori degli Stati Membri della stessa, già fortemente penalizzati da norme e leggi ritenute inique e in contraddizione al loro operato.
Ci troviamo così difronte a due veri e gravi problemi: 1) L’importazione del riso asiatico – 2) L’importazione dello zucchero dall’Ucraina di Zelensky coordinata, strano ma vero, del Partito della von der Leyen.
Per la cronaca, a detta della Coldiretti, l’import del riso, in particolare dalla Cambogia, è aumentato in ragione del 110% e nulla è stato fatto in tal senso per proteggere gli Agricoltori europei. Trattasi di prodotti con standard ambientali e qualitativi al di sotto delle produzioni europee e italiane. La Coldiretti precisa che nei campi di riso dei Paesi asiatici viene utilizzato il “triciclazolo”, potente pesticida vietato nell’Unione europea.
Non meno grave il problema relativo allo “zucchero ucraino” a detta dell’Europarlamentare Peter Jahr che ha dichiarato: “Nell’anno finanziario 2022/2023 l’import di zucchero ha sfiorato le 400 mila tonnellate ovvero circa 22 volte la quota di importazione iniziale della Ue di 20.000 tonnellate all’anno”. Lo stesso Jahr ha già chiesto una “restrizione” di tale import, facendo presente un dato preoccupante per gli Stati membri, in quanto nell’anno finanziario 2023/2024 in Ucraina la coltivazione di barbabietole da zucchero è aumentata sensibilmente e potrebbe esportare 0,7-0,8 milioni di tonnellate di zucchero esentate nella Ue.
A tale “dramma alimentare” sono intervenute, affiancando l’Europarlamentare, la Polonia, l’Ungheria, la Slovacchia, la Romania e la Bulgaria con lo scopo di ottenere dalla Commissione il divieto di acquisto di mais, colza, semi di girasole e frumento sottocosto, finalizzato a ridurre una “vergognosa” concorrenza agli agricoltori di tali beni nei loro Stati.

E si finanzia l’Ucraina e il suo Presidente!

A cura di Pier Luigi Cignoli – Foto Imagoeconomica

(fonte: F-first online)

Editorialista Pier Luigi Cignoli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui