L’Fbi è pur sempre l’Fbi. Dopo aver sbloccato l’iPhone del killer di San Bernardino senza l’ausilio di Apple, la polizia federale americana è riuscita ad accedere ad altri due telefoni targati mela: quelli di due giovanissimi accusati di omicidio.

Hunter Drexler, 18 anni, e Justin Staton, 15, sono stati arrestati in Texas insieme con altri due ragazzi nel luglio del 2015, pochi giorni dopo l’omicidio di Robert e Patricia Cogdell, i nonni del più piccolo, che lo avevano adottato e cresciuto.

Due giorni fa, l’accusa ha domandato e ottenuto un rinvio del processo al 27 di giugno per poter richiedere la collaborazione dell’Fbi per avere accesso agli iPhone e agli iPod dei due ragazzini accusati del terribile gesto.

Redazione IL POPOLANO

La Cesenate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui