Molti lo ricorderanno per quel l’1-1 segnato in Italia-Germania negli anni Settanta. Soprannominato ‘Volkswagen’ in Germania e ‘Carlo il Biondo’ in Italia, il terzino vinse diversi titoli con la maglia del Milan.

Karl-Heinz Schnellinger, scrive rainews una delle leggende del calcio tedesco negli anni ’60 e ’70, è morto nella notte all’ospedale ‘San Raffaele’ di Milano all’età di 85 anni. A confermare la notizia la figlia Birgit.

Schnellinger, legato al nostro Paese da oramai 50 anni, viveva in Italia. In carriera, il terzino ha disputato quattro Campionati mondiali tra il 1958 e il 1970. Proprio nell’ultimo Mondiale, quello in Messico, il calciatore, nato il 31 marzo del 1939 a Düren, realizzò il gol del pareggio (1-1) al 90′ nella semifinale contro l’Italia. Partita successivamente ribattezzata ‘Italia-Germania 4-3’, per vai del successo degli azzurri ai supplementari.

Schnellinger, soprannominato ‘Volkswagen’ quando era in Germania e ‘Carlo il Biondo’ in Italia, vinse diversi titoli a livello di club. Nell’ultimo anno, prima dell’introduzione della Bundesliga tedesca, divenne campione con lo FC Koeln (1962), prima di trasferirsi nella Penisola. In Italia ha militato nel Mantova, nella Roma e infine nel Milan. Concluse la carriera nella stagione 1974-1975 con il TeBe Berlino. In particolare coi rossoneri ha vinto tre volte la Coppa Italia(1967, 1972, 1973), due volte la Coppa delle Coppe (1968, 1973), lo scudetto del 1968, una Coppa dei Campioni (1969) e una Coppa Intercontinentale(1969).

Karl-Heinz Schnellinger lascia la moglie, tre figlie e quattro nipoti.

La Redazione sportiva – Foto fonte Ac Milan 

 

Redazione IL POPOLANO

La Cesenate

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui