ABRAHAM YEHOSHUA

Più volte candidato al Premio Nobel, lo scrittore israeliano Abraham B.

Yehoshua, morto a Tel Aviv a 85 anni, fino all’ultimo ha cercato una soluzione pacifica per il conflitto arabo-israeliano di cui ha raccontato la complessità nei suoi immensi racconti e romanzi, che lo ha visto per tutta la vita impegnato politicamente.

Sempre dalla parte di una soluzione che prevedesse due Stati, si era battuto per il riconoscimento dello Stato palestinese, ma negli ultimi anni si era convinto che questo ormai non fosse più possibile e aveva invitato ad elaborare una soluzione che prevedesse un solo Stato. “Dobbiamo riuscire ad arrestare questo apartheid. Dobbiamo passare da uno Stato ebraico a uno stato israeliano, questo è il concetto chiave” aveva detto nel 2019, ospite del Festivaletteratura di Mantova.
 

E riflettendo su identità e memoria, due temi cardine delle sue storie, aveva invitato anche a dimenticare. “Dobbiamo perdere in qualche misura o in parte i nostri ricordi. Noi ebrei dobbiamo perdere i ricordi dell’olocausto. I palestinesi dovrebbero smettere di insistere continuamente su quanto è successo negli ultimi 40 anni. Abbiamo troppe memorie. Se rimaniamo bloccati su questi ricordi c’è il rischio di finire nella paralisi“.

Era nato a Gerusalemme il 9 dicembre 1936, ebreo sefardita, Yehoshua da giovane aveva combattuto nella guerra arabo-israeliana del 1956 guidata da Moshe Dayan, si era laureato in Letteratura e Filosofia all’Università di Gerusalemme. Aveva esordito nella narrativa nel 1962 con la raccolta di racconti ‘La morte del vecchio‘ e negli ultimi anni aveva sentito il desiderio di tornare alle storie brevi dove “sei più intenso, lo stile domina sull’intreccio” e che considerava “le sue cose migliori“.

Autore di 13 romanzi.

Dopo la morte della moglie e del suo grande amico Amos Oz, scomparso nel 2018, è stato molto difficile per Yehoshua andare avanti, la scrittura gli ha dato conforto, ma ha dovuto combattere con la comparsa della recidiva di un tumore: “Sono malato, sono tutto preso dalla malattia, la cosa mi pesa molto” diceva negli ultimi tempi. Molto amato in Italia, Paese per il quale sentiva uno speciale affetto, Yehoshua si è congedato dai suoi lettori con ‘La figlia unica‘ , una storia che solleva di nuovo il tema dell’identità con una ragazza italiana per metà ebrea. Un libro, di cui lo scrittore ha curato nei dettagli l’edizione italiana, che guarda con ispirazione e riconoscenza a ‘Cuore‘ di Edmondo De Amicis che il padre leggeva ad Abraham da bambino.

A cura di Samanta Costantini – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui