A Lampedusa, nella notte, lo sbarco dei circa 450 migranti arrivati sull’isola a bordo di un peschereccio intercettato a 4 miglia dalla costa dalle motovedette della Guardia costiera e della Guardia di Finanza.
Tra le persone tratte in salvo potrebbero esserci alcuni profughi libici.

I migranti sono scesi a piccoli gruppi e, nel rispetto delle norme anticovid, è stata loro controllata la temperatura corporea. I migranti sono stati poi trasferiti con pullmini nell’hotspot di contrada Imbriacola. Sull’isola ci sono 1.526 migranti, fra hotspot e Casa della fratellanza (locali della parrocchia). Il trasferimento preventivato per oggi di 55 persone con il traghetto di linea è saltato a causa del maltempo. Al momento non risultano altri trasferimenti programmati.

Il presidente della Sicilia Musumeci a Conte: convochi Cdm. Ieri “l’ennesimo sbarco di 450 uomini a Lampedusa, accompagnato dalla consueta indifferenza: nessuno al largo ha visto nulla! Avevamo chiesto a Roma di recuperare i mesi persi, senza nessuna programmazione. Avevamo chiesto un ponte aereo per dare un segnale forte, di presidiare il Canale di Sicilia per impedire a questi squallidi mercanti di morte di continuare indisturbati. Mi rivolgo direttamente al presidente Conte. Lampedusa non ce la fa più. La Sicilia non può continuare a pagare l’indifferenza di Bruxelles e il silenzio di Roma. E ieri abbiamo anche sentito qualche irresponsabile pronunciare frasi incomprensibili come “non esiste l’emergenza”.

Il nuovo sbarco ha sollevato le proteste sull’isola “Siamo in ginocchio, all’hotspot si superano le 1.500 presenze, non è possibile continuare a sopportare queste angherie da parte del governo”, ha dichiarato il sindaco Salvatore Martello, minacciando lo sciopero di tutta l’isola se non verrano prese “decisioni immediate”. Al porto anche la protesta della Lega guidata dall’ex senatrice Angela Maraventano, con una decina di abitanti di Lampedusa. Ed erano state trasferite a Lampedusa con unità della nostra guardia costiera anche 49 persone delle oltre 200 a bordo della Louise Michel, la motovedetta finanziata dall’artista britannico Banksy. Altri 205 migranti sono a bordo Sea watch4 che chiede un porto per lo sbarco.

A cura di Leonardo Scano – Foto Ansa

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui