Sommario: Il recente inizio del conflitto russo-ucraino sta già mostrando, nonostante sia appena iniziato, i primi effetti economici. Il prezzo di molte materie prime dal 24 febbraio 2022, giorno dell’invasione russa, è esploso, creando il panico in moltissimi settori economici.

Nel momento in cui vengono messe in atto le prime sanzioni economiche a Mosca, l’Europa sta manifestando tutta la sua dipendenza energetica e di materie prime rispetto alla Russia.

Dal gas all’oro, dalla pasta all’alluminio, sono molte infatti le materie prime che arrivano dalla Russia e dall’Ucraina nei mercati dell’Unione Europea e che nelle prossime settimane potrebbero registrare una riduzione netta nell’approvvigionamento con conseguente aumento dei prezzi.

Stangata del costo di Gas e Energia Elettrica

L’aumento più chiaro e lampante è di sicuro la fornitura di Gas Naturale. Solo la Russia infatti costituisce il 30% di tutto il consumo europeo, che diventa il 50% dell’import non considerando la produzione interna. Per il nostro paese però il gas russo costituisce il 43% dell’intera richiesta di gas nazionale. Secondo solo alla Germania (49%) tra i grandi paesi europei che rischiano maggiormente.

Questo aveva già causato nei mesi scorsi, per il timore di un possibile conflitto, un aumento delle bollette del Gas in Italia che nell’ultimo trimestre aveva visto un +41,8%, fonte ARERA (Autorità di Regolazione per Energia, Reti e Ambiente). Questi mesi però si succedevano ad altri mesi con importanti aumenti del prezzo.

Questo prezzo, record storico degli ultimi 20 anni del gas, pare destinato a salire ancora, anche se sono difficili  previsioni in un contesto così imprevedibile e dinamico. Molto dipende dagli altri paesi esportatori, in particolare l’Azerbaijian, che è chiamato a raddoppiare il proprio export per i paesi europei.

L’energia elettrica in Italia purtroppo vede degli aumenti ancor superiori. Il 40% dell’energia elettrica dell’Italia è infatti prodotta da centrali termiche a Gas. Nell’ultimo trimestre, i prezzi ARERA hanno visto un’impennata al +55,6% del costo per kWh per l’energia elettrica.

Aumento prezzi delle Materie Prime

Gas e Energia elettrica purtroppo non sono gli unici punti sensibili dell’economia europea che questa guerra ha rapidamente  mostrato. Ucraina e Russia sono infatti i due grandi granai d’europa. Lo scoppio del conflitto ha portato a +5,7% del prezzo in un solo giorno, raggiungendo il record assoluto del prezzo a 344 euro a tonnellata.

La pasta e il pane dovrebbero avere quindi aumenti di prezzo, rispettivamente +12,5% per la prima e +3,7%  per il secondo. La scarsità però delle riserve dei cereali in Europa (in mano principalmente alla Francia) potrebbe portare però ad aumenti del +30% per la pasta e +10% per il pane nel breve futuro.

Il mais segue a ruota con un +5,5% nella giornata di ieri con 304 euro per tonnellata.

Non solo l’alimentare e l’energetico sono stati influenzati, ma tutti i beni rifugio hanno visto aumenti tra cui:

  • Petrolio: +8%
  • Alluminio: quota record di 3382 $ per tonnellata
  • Metano: +25,4% a 111,5 € per MWh
  • Oro: +2,4% e salgono anche Platino e Palladio

Crollo delle Borse Finanziarie

Le preoccupazioni dei mercati si riflettono in modo chiaro nelle chiusure delle borse finanziarie di  ieri. Con un ovvio crollo di quella Russa che tocca un incredibile -45%, anche per l’ormai certezza dell’applicazione di sanzioni economiche per le aziende russe.

Variazione Borse Finanziarie dall’inizio del conflitto al 28 Febbraio
Milano -1,99%
Parigi -2,53%
Londra -0,45%
Francoforte -1,30%
USA Dow Jones -1,81%
USA Nasdaq +4,88%
Shanghai -1,75%
Tokyo +1,47%
Mosca -19,91% ma chiusa dopo i primi crolli

Nella mattinata di oggi, all’apertura degli scambi torna un po’ di ottimismo in Europa e Asia vedendo i primi segni positivi.

Quali gli scenari futuri?

I negoziati che si stanno portando avanti, nonostante le interruzioni continue potrebbero portare più rapidamente ad una normalità dei prezzi. D’altro canto, la possibile uscita della Russia dal sistema SWIFT, scenario sempre più discusso negli ultimi giorni, potrebbe essere un’arma a doppio taglio. Tale sanzione avrebbe conseguenze disastrose per l’economia russa, ma colpirebbe anche le nostre, risultando in un probabile aumento dei prezzi ulteriore.

Ancora è difficile poter analizzare gli effetti economici di questa invasione russa, non potendo prevedere gli esiti, la durata e gli sviluppi. Quello che è certo è l’aumento dei prezzi, in particolare in Europa e Italia, che si aggiungono all’inflazione dovuta alla crescita economica del nostro paese.

A cura di Lucia Ferrero – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui