Sommario: Quanto pagano le amministrazioni pubbliche regionali per le utenze dei propri edifici e strutture?

La bolletta gigante per l’Amministrazione della Campania di energia elettrica, mentre Veneto Lombardia Liguria Marche e Calabria sono le più virtuose secondo i dati della Fondazione Gazzetta Amministrativa delle Repubblica Italiana.

Recentemente la Fondazione della Gazzetta Amministrativa della Repubblica Italiana ha pubblicato i dati raccolti di quanto ogni amministrazione regionale ha speso per le utenze delle proprie strutture e uffici nel 2020. I dati del 2021 devono ancora essere processati e raccoltiQuesti dati riguardano rispettivamente i dati di LuceGas e Acqua.

Da questi dati emergono cifre incredibili, in particolare spicca il costo pagato dalla regione Campania che ha speso la cifra “monstre” di 83,9 milioni di euro per l’energia elettrica mentre la seconda regione in classifica è la Lombardia che, nonostante il maggior numero di abitanti e di superficie, ha speso “solo” 5,7 milioni di euro.

Quale metodo di analisi è stato utilizzato?

Va tenuto conto in questa analisi che è normale per regioni di minor dimensioni come Valle d’Aosta, Molise e Basilicata costi pro capite più alti rispetto alla media regionale. Questo può essere facilmente dimostrato dal fatto che nonostante siano di minori dimensioni per popolazione e superficie, devono comunque fornire gli stessi servizi , avendo meno possibilità di economie di scala per le proprie strutture.

Stesso discorso può essere fatto per le due province a statuto speciale che vengono accorpate nello studio, ma che non possono condividere le stesse strutture.

Il sistema utilizzato sfrutta algoritmi scientifici per individuare potenziali sprechi del sistema nazionale.

Bolletta della Luce delle amministrazioni Regionali

bolletta regioni luce
Per quanto riguarda la bolletta della luce regionale non può non essere notata quella della Campania in primis che ha superato tutte le altre regioni con una spesa difficile da spiegare: 83,9 milioni di euro, a cui seguono Lombardia con € 5.731.827, Sardegna € 4.058.931 e Lazio € 3.746.009.

Le più virtuose, soppesando il numero di abitanti, la superficie della regione diventano Piemonte, Molise, Toscana e Veneto che hanno un prezzo per abitante più ridotto. A livello di costo pro capite, anche la Valle d’Aosta mostra livelli anomali rispetto alla media italiana.

Costo bolletta della Luce 2020 Costo per ogni cittadino
Campania € 83.952.045 14,979
Lombardia € 5.731.827 0,575
Sardegna € 4.058.931 2,568
Lazio € 3.746.009 0,655
Sicilia € 3.235.944 0,673
Puglia € 2.484.535 0,635
Emilia Romagna € 2.362.269 0,533
Calabria € 2.117.585 1,145
Valle D’aosta € 2.061.877 16,702
Friuli-Venezia-Giulia € 1.915.994 1,598
Piemonte € 1.520.676 0,357
Marche € 1.335.509 0,896
Toscana € 1.301.016 0,354
Veneto € 1.250.640 0,257
Abruzzo € 1.099.104 0,862
Umbria € 824.524 0,958
Basilicata € 776.672 1,436
Liguria € 769.128 0,510
Trentino € 507.528 0,470
Molise € 109.046 0,374

Costo gas per le amministrazioni Regionali

bolletta regioni gas

Per quanto riguarda il gas, i dati che vengono fuori sono molto più simili e uniformi rispetto alla situazione dell’energia elettrica. Il Friuli Venezia Giulia è l’amministrazione regionale italiana che più dipende dal gas. La bolletta per la regione nel 2020 raggiunge i € 1.173.769 per l’intera annata con il costo di circa 1 euro per cittadino all’anno.

Nuovamente la Valle d’Aosta si posiziona come l’amministrazione che spende di più a parità di popolazione.

Calabria, Lazio e Marche sono le regioni che hanno un impatto minore per il gas sui propri cittadini. La Sardegna inoltre non presenta una bolletta del Gas, preferendo altri sistemi per la provvigione delle proprie strutture.

Costo bolletta del Gas 2020 Costo per ogni cittadino
Friuli-Venezia-Giulia € 1.173.769 0,979
Campania € 798.000 0,142
Toscana € 513.378 0,140
Valle D’aosta € 511.362 4,142
Abruzzo € 464.598 0,364
Veneto € 443.372 0,091
Piemonte € 399.741 0,094
Emilia Romagna € 398.008 0,090
Puglia € 385.268 0,098
Lombardia € 377.172 0,038
Basilicata € 239.973 0,444
Umbria € 181.612 0,211
Trentino € 177.809 0,165
Sicilia € 172.261 0,036
Molise € 152.565 0,524
Liguria € 92.633 0,061
Lazio € 32.951 0,006
Calabria € 21.125 0,011
Marche € 7.993 0,005
Sardegna € 0 0,000

Le regioni che pagano più l’acqua

"bolletta

Infine, per quanto riguarda la bolletta dell’acqua, questa rimane in media nazionale la più bassa comparata alle altre due. Eccezion fatta per Lazio e alcune regioni isolane e del Sud Italia. Il Lazio è l’amministrazione che spende più per l’acqua, € 2.335.0620,408€ per ogni cittadino laziale. La Valle d’Aosta, nuovamente risulta l’amministrazione regionale con una spesa maggiore pro capite per i costi dell’acqua.  La Calabria è di gran lunga l’amministrazione con un costo minore per la bolletta dell’acqua con un costo di soli € 2.097 per l’intero 2020, un millesimo rispetto al Lazio, seppur a fronte di condizioni geografiche, demografiche e geologiche differenti.

Costo bolletta dell’acqua 2020 Costo per ogni cittadino
Lazio € 2.335.062 0,408
Puglia € 753.733 0,193
Sicilia € 559.634 0,116
Sardegna € 502.178 0,318
Campania € 379.565 0,068
Friuli-Venezia-Giulia € 250.509 0,209
Toscana € 200.235 0,054
Emilia Romagna € 172.235 0,039
Valle D’aosta € 153.649 1,245
Piemonte € 143.530 0,034
Lombardia € 94.360 0,009
Marche € 90.743 0,061
Basilicata € 65.907 0,122
Veneto € 59.363 0,012
Abruzzo € 46.167 0,036
Liguria € 45.930 0,030
Umbria € 30.429 0,035
Molise € 18.099 0,062
Trentino € 15.441 0,014
Calabria € 2.097 0,001

Conclusione

In conclusione, la classifica pro capite che spende di più di utenze luce gas e acqua è la seguente:

  1. Valle D’aosta – 22,09 €/cittadino
  2. Campania – 15,19 €/cittadino
  3. Sardegna – 2,89 €/cittadino
  4. Friuli-Venezia-Giulia – 2,79 €/cittadino
  5. Basilicata – 2,00 €/cittadino
  6. Abruzzo – 1,26 €/cittadino
  7. Umbria – 1,20 €/cittadino
  8. Calabria – 1,16 €/cittadino
  9. Lazio – 1,07 €/cittadino
  10. Marche – 0,96 €/cittadino
  11. Molise – 0,96 €/cittadino
  12. Puglia – 0,93 €/cittadino
  13. Sicilia – 0,83 €/cittadino
  14. Emilia Romagna – 0,66 €/cittadino
  15. Trentino – 0,65 €/cittadino
  16. Lombardia – 0,62 €/cittadino
  17. Liguria – 0,60 €/cittadino
  18. Toscana – 0,55 €/cittadino
  19. Piemonte – 0,49 €/cittadino
  20. Veneto – 0,36 €/cittadino

Si ricorda inoltre che i costi pro capite citati nell’articolo non sono necessariamente un corrispettivo che viene richiesto ai cittadini di quella regione, ma corrisponde ad indice per comparare la spesa per ogni amministrazione pubblica.

A cura di Lucia Ferrero – Foto Imagoeconomica

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui