CESENA BASKET 2005 vs STELLA RIMINI 70 – 68 (9 – 11, 30 – 19, 46 – 29)

CESENA BASKET 2005: Montalti 2, Rossi 7, Guidi 1, Ravaioli 18, Vandelli 6, Babbini 4, Sanzani 2, Zoboli 23, Forni, Monticelli, Balestri 3. All. Ruggeri

STELLA RIMINI:Coralli, Bartoli, Bollini, Verni 16, Pulvirenti 15, Insero 1, Bindi 2, Vioglio, Quartulli 7, Del Turco 24, Distante 1 All. Casoli.

Arbitri: Baldini di Forlì e Mazza di Cesena

Una fatica pazzesca dopo un dominio incontrastato ci porta in dote la seconda vittoria consecutiva dopo il blitz di venerdì scorso a San Lazzaro ai danni di una Stella Rimini inguardabile per oltre 30 minuti e devastante nel convulso finale in cui ha rischiato di ribaltarla da un incredibile –24. Si inizia al rallentatore con Rimini che orfana di Naccari e Pinto sceglie la zona ad oltranza e per almeno un quarto tiene botta.

Il modestissimo 9 a 11 con cui si apre la seconda frazione viene cancellato da una furibonda accelerata dei ragazzi di coach Ruggeri che si accendono in un lampo e fanno polpette della zona avversaria alternando un bel grappolo di triple a incursioni in area dove il pur volenteroso Quartulli paga dazio. Ribaltata l’inerzia del match Zoboli e compagni insistono con ancor più determinazione nella terza frazione accumulando un vantaggio che diventa decisamente ampio: il canestro riminese è ripetutamente violato da Ravaioli (sontuosa prova) Vandelli (sprazzi di classe cristallina) e company per il 46 a 29 con cui si chiude il quarto. La musica continua in avvio dell’ultimo segmento con Zoboli che infila due triple e Montalti che sigla il +24 (58 a 34) anticipando i titoli di coda che sembrano ormai scritti e inevitabili.

Di punto in bianco succede invece che mentre Cesena si spegne e va in rottura prolungata, Rimini si sveglia dal torpore e inizia un “bombardamento” impressionante rosicchiando in un amen buona parte del distacco; il 15 a 0 di parziale riavvicina Rimini a –9 (58 a 49) poi Zoboli mette un’altra tripla a tamponare l’improvvisa emorragia. Il pericolo sembra scampato ma non è così.

Del Turco, Quartulli e un indiavolato Pulvirenti continuano a colpire da ogni posizione e arrivano incredibilmente a –2 da Cesena (68 a 66) facendo aleggiare sul Palaippo lo spettro di una incredibile sconfitta che però gli ultimi due tiri liberi di Babbini cancellano definitivamente.

Il Vice Direttore Ugo Vandelli

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui