TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

29 GIUGNO 2007 RIVOLUZIONE APPLE

Il mondo della telefonia mobile ha subìto, sin dalle origini, continue metamorfosi legate all’ evoluzione della tecnologia, soprattutto quella applicata all’elettronica. Un grande scossone si è registrato esattamente 14 anni fa, il 29 giugno 2007, data di lancio della nuova generazione di iPhone, primo smartphone con interfaccia multi-touch.

Il giorno prima, il 28 giugno, la “rivoluzione” in arrivo viene resa nota dal comunicato stampa pubblicato sul sito della Apple: “iPhone introduce un’interfaccia utente completamente nuova basata su un rivoluzionario display multi-touch e un nuovo software pionieristico che consente agli utenti di controllare iPhone con un semplice tocco o pizzico delle dita.

IPhone combina tre prodotti in un dispositivo portatile piccolo e leggero: un rivoluzionario telefono cellulare, un iPod widescreen e Internet in tasca con le migliori applicazioni di sempre su un telefono cellulare per email, navigazione Web e mappe. IPhone inaugura un’era di potenza e raffinatezza del software mai vista prima su un dispositivo mobile, che ridefinisce completamente ciò che gli utenti possono fare sui loro telefoni cellulari”.

Presentato a gennaio da Steve Jobs, il fondatore della Apple, il primo modello arrivato in tutti gli Apple Store, un GSM Edge quad-band, riscuote un successo immediato, con ben 1.190.000 esemplari venduti in tre mesi.

Il successo oltre ogni misura ha trasformato l’iPhone in uno status symbol, risollevando, di non poco, le sorti economiche di Apple.
Di rilevante importanza la figura carismatica di Jobs, basti pensare che l’iPhone 4s, ultimo dispositivo presentato mentre Jobs era ancora in vita, ha rappresentato, nel trimestre di inizio commercializzazione, l’89% delle vendite iPhone.

In attesa del prossimo lancio, Apple lavora dietro le quinte: il business prodotto dal melafonino è a tutt’oggi particolarmente redditizio.

articolo a cura di Franco Buttaro

scrivi a reporter.costantinieditore@gmail.com

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *