Finisce qua. Mi hai dato tutto. Ti ho dato tutto. Abbiamo vinto insieme“. Con queste parole Gianluigi Buffon, annuncia il suo addio al calcio a 45 anni. Un video emozionante postato sui suoi profili social, in cui scorrono le immagini di una carriera straordinaria, fatta di successi con il Parma, il suo primo e ultimo club, con la Juventus, la società della quale è diventato capitano e simbolo, e con la Nazionale, con cui è diventato campione del mondo nel 2006.
La carriera dell’ex portiere azzurro è iniziata a Parma nel 1995 e terminata proprio con il club emiliano 28 anni dopo, una ventina dei quali trascorsi a difendere la porta della Juventus (una stagione in Francia nelle fila del Psg), dieci scudetti con la Juve, (oltre ad aver vinto un campionato di Serie B, sei Coppe Italia, sette Supercoppe italiane, una Coppa Uefa, un campionato di Ligue 1 e una Supercoppa di Francia), un Mondiale, vicecampione d’Europa nel 2012, e con l’unico rammarico per la Champions League mancata.
Buffon inizia la sua avventura nelle giovanili del Parma come centrocampista poi, a 14 anni, la trasformazione in portiere.
“Ventotto anni di carriera mi sembrano un risultato incredibile, quasi impensabile, soprattutto per la continuità di rendimento dimostrata in quasi tre decenni. Questo, secondo me, è l’aspetto che più determina il valore di una carriera sportiva, in questo caso la mia” – commenta il portierone sul sito del Parma Calcio – e ci ho messo così tanta passione, dedizione, entusiasmo e allegria che a guardarmi indietro, posso dire che sono veramente volati. Sì, questi 28 anni sono la mia storia calcistica e la mia storia sportiva. Ma anche la storia di chi, con il tifo, con le lacrime e con l’amore, in questi 28 anni mi ha sostenuto” prosegue l’ex portiere azzurro.
“Voglio anche ringraziare Parma e la sua gente perché veramente mi ha fatto sentire tanto amato, anche in questi due anni: il presidente Kyle Krause – una delle persone migliori che ho conosciuto nel mondo del calcio – e i direttori della Società, che mi avevano chiesto immediatamente di ricoprire un ruolo manageriale nel gruppo”, ha concluso.
Intanto corrono già le prime indiscrezioni, che vedono Buffon nel ruolo di capo delegazione della nazionale azzurra guidata da Roberto Mancini.

articolo e foto a cura di Franco Buttaro

scrivi a: reporter.costantinieditore@gmail.com

Franco Buttaro
Editorialista Franco Buttaro

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui