Prima la fuga, poi la rincorsa, infine il sorpasso e il sangue freddo nel testa a testa finale con i rivali dell’Inter. E’ stato un campionato da montagne russe, quella che ha permesso ai rossoneri di centrare il diciannovesimo scudetto della sua storia, il primo dal 2010/11 per il club rossonero. Una annata caratterizzata questa volta non dalla Juventus, ma dalla rivalità con i neroazzurri di Simone Inzaghi e che ha visto proprio nello scontro diretto con San Siro tutto esaurito, il punto di svolta per gli uomini di Stefano Pioli, capace di riportare il titolo nella sponda milanista del Naviglio.

D’altronde, al 74′ del derby giocato il 5 febbraio, i rossoneri erano potenzialmente a -7 dai rivali: poi la doppietta di Giroud in nemmeno tre minuti ha riportato in corsa Leao e compagni, dando uno slancio fondamentale per tagliare un traguardo fenomenale.

Un Milan che ha avuto la maturità e la forza di ribaltare, così, un campionato che sembrava nuovamente indirizzato verso il volto cinese. I rossoneri avevano provato a dare uno strappo importante già a inizio stagione, quando erano riusciti a mettere insieme 10 vittorie e un solo pareggio nelle prime 11 giornate in Serie A, toccando il +7 sui nerazzurri.

Poi, però, il primo momento di appannamento, complice anche l’impegno in Champions League (con passaggio del turno solo sfiorato e ultimo posto nel girone), con le sconfitte, tra le altre, contro Sassuolo, Fiorentina, Napoli e Spezia che avevano portato non solo al sorpasso da parte dell’Inter ma addirittura alla fuga degli uomini di Simone Inzaghi in classifica.

Da quel momento, il Milan non si è più voltato indietro, nonostante qualche ulteriore passaggio falso (come i pareggi con Salernitana, Udinese, Bologna e Torino) di cui tuttavia i rivali nerazzurri non sono riusciti ad approfittare a pieno. E, a dimostrazione anche della forza mentale degli uomini di Pioli, i rossoneri hanno reagito al meglio pure a quello che per molti era un altro crocevia importante, ovverosia la semifinale di ritorno di Coppa Italia, vinta per 3-0 dall’Inter.

Sembrava potesse essere la svolta per i campioni di Inzaghi. Il Milan però da quel ko ha messo in fila solo vittorie, battendo Lazio, Fiorentina e Verona in tre successi fondamentali nella corsa in vetta, anche grazie alla sconfitta dell’Inter nel recupero con il Bologna, e poi ancora Atalanta e Sassuolo nei 90 minuti finali che hanno assegnato il titolo.

E così nella bacheca rossonera troverà spazio anche il 19° scudetto, il primo dell’era post-Berlusconi con il popolo rossonero tutto riversato in piazza Duomo per festeggiare fino all’alba!

Il vice Direttore Ugo Vandelli – Foto Lapresse 

LASCIA UN COMMENTO

Per favore inserisci il tuo commento!
Per favore inserisci il tuo nome qui