TOP Header adv (728×90)

UE GENTILONI OCCORRONO 1000 ML

Un Recovery Fund “da almeno mille miliardi”, con fondi già dai “prossimi mesi“. Lo afferma il commissario Ue agli Affari economici Paolo Gentiloni in un’intervista a La Stampa, che poi sollecita un nuovo strumento per consentire,attraverso l’uso dei fondi Ue, investimenti privati per sostenere le aziende in difficoltà.

“Certamente una parte di questi finanziamenti dovrà avvenire attraverso sussidi. Il turismo e altri settori specifici, così come alcune aree geografiche, hanno bisogno di un sostegno secondo il principio di solidarietà. Inoltre c’è anche una ragione macro-economica: dobbiamo evitare di alimentare una spirale che faccia aumentare il debito di quei Paesi già fortemente indebitati che sono anche i più colpiti dalla pandemia”, afferma Gentiloni, secondo il quali i fondi dovrebbero essere disponibili già quest’anno: “Dovremo anticipare alcune somme nei prossimi mesi.

Se dovessimo lasciar correre questa situazione di disparità per un anno, sarebbe più costoso intervenire per mitigarne l’impatto”. Gentiloni sottolinea: “L’entità di questa recessione è chiara, ma è altrettanto chiaro il suo carattere disomogeneo e soprattutto quello della ripresa che verrà. Questa disparità è una minaccia esistenziale alle fondamenta dell’Unione perché mette in pericolo il mercato unico e la convergenza nell’Eurozona”.

Il commissario riconosce che “per correre ai ripari, l’Eurogruppo ha compiuto un primo passo con il Mes per la sanità, Sure per i lavoratori e il fondo Bei per le imprese. Un passo importante, ma – afferma Gentiloni – insufficiente senza un piano per la ripresa con un forte finanziamento”. Sul Mes Gentiloni ammette che una richiesta di gruppo potrebbe essere un buon segnale.

A cura di Renato Lolli – Foto Getty Image

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *