TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

TOTI – BERLUSCONI SCARAMUCCE ESTIVE

Considero il presidente Berlusconi il più grande statista che abbiamo avuto nella Repubblica. Ma oggi secondo me deve rendersi conto che un’epoca è finita. Credo che il presidente Berlusconi debba cominciare a pensare come lascerà il suo partito, come tutti i grandi statisti in questo Paese”. Lo ha detto il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti a ‘Un giorno da pecora’ su Radio 1. “Quindi – ha detto Toti – c’è bisogno di costruire un percorso che dia legittimità alla nuova classe dirigente”.

Chi ci sarà dopo Berlusconi? “Ci sarà un signore, o una signora, che verrà scelto dagli elettori”, ha detto Toti. “Il rapporto umano con il presidente Berlusconi resta profondo – ha spiegato il governatore -. Ho lavorato per la sua azienda a lungo, un’azienda meritocratica dove, contrariamente a quanto succede a volte in Forza Italia, le cose funzionano molto meglio e in modo più lineare”.

Il presidente della Liguria ha proseguito: “In tutta franchezza penso che il
presidente Berlusconi abbia un ruolo, uno status, uno standing diverso dal candidato alle primarie”. Secondo Toti “il presidente Berlusconi è il fondatore del centrodestra” e le primarie dovrebbero “eleggere il segretario politico, il coordinatore nazionale, le direzioni nazionali, regionali fino ai coordinatori civici”.

Se ci fossero le primarie per scegliere il nuovo segretario nazionale di Forza Italia si candiderebbe? “Sì, certo”, ha risposto Toti. ”È bello lanciare una candidatura a ‘Un giorno da pecora’ – ha ironizzato Toti -. Suona farsesco. Ma certo che mi candiderò, con le mie idee: se uno vince vince, se perde perde. Non so neanche se sarebbe bello lasciare il nome a Forza Italia – ha proseguito -.
Il primo a voler cambiare il nome in ‘Altra Italia’ è stato Berlusconi, una certa stanchezza l’ha avvertita anche lui”.

A stretto giro arriva la replica di Berlusconi, che ai cronisti davanti a Palazzo Grazioli a Roma ha detto: “L’ho nominato io… E chiede la democrazia un nominatissimo?”.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *