TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

SERIE A CAGLIARI – FIORENTINA 2-1

Tre punti importantissimi per il Cagliari, che si allontana dalla zona pericolosa battendo la Fiorentina 2-1 con una prova gagliarda alla ‘Sardegna Arena’. I viola, caduti di livello nella ripresa, segnano il passo nella rincorsa a un posto che conta per l’Europa.

Barella, fresco di convocazione in Nazionale, trequartista dietro Pavoletti e Joao Pedro nella formazione di Maran. Pioli deve rinunciare all’infortunato Lafont, in porta Terracciano. Tridente con Mirallas, Muriel e Chiesa, in panchina Simeone. Buon ritmo fin dalle prime battute, gol annullato a Joao Pedro per infrazione di Pavoletti. I sardi si fanno vedere con i tiri dalla distanza di Cacciatore (intervento non semplice di Terracciano) e di Pavoletti (a lato di poco). Poi lavoro per Cragno, che respinge d’istinto il colpo di testa ravvicnato di Mirallas su cross di Biraghi, la difesa spazza in affanno. Poche le azioni veramente pericolose perché le squadre corrono e coprono con intensità.

Nella ripresa parte fortissimo il Cagliari. Pavoletti grazia Terracciano, autore di un errore clamoroso in rinvio. E poco dopo (52′) fa centro Joao Pedro, in spaccata sul cross di Cacciatore. Insolito quello che succede al 54′: Cigarini calcia, un metro prima della riga del centrocampo, una punizione che (aiutata forse dal vento) sorprende totalmente Terracciano fuori dai pali. Rete annullata con Doveri che fa spiega come la battuta fosse di ‘seconda’. Pioli cambia il tridente, fuori Mirallas e dentro Simeone. L’attacco viola non si scuote, i rossoblù controllano le folate avversarie. E al 66′ raddoppiano con la zuccata di Ceppitelli sulla punizione di Lykogiannis all’altezza della bandierina. Fiorentina in bambola, il Cagliari annusa il momento favorevole. Al 74′ Terracciano respinge la botta di Barella, Joao Pedro si avventa sul pallone vagante e prende in pieno la traversa col portiere a terra. Confusa e inefficace la Fiorentina, mentre la partita s’incattivisce e volano alcuni cartellini gialli. Il finale si accende su una prodezza del solito Chiesa che (88′) parte da centrocampo (complice un errato posizionamento della linea sarda) sul lancio di Dabo, entra in area defilato e trafigge Cragno con il destro a giro. I viola hanno il dovere di provarci fino alla fine, Cragno dice di no all’ultimo spunto di Chiesa.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *