TOP Header adv (728×90)

RADIO POPOLANO / LUCIO DALLA

Voci che tornano, anche quando non ci hanno mai davvero lasciati soli: a quarant’anni di distanza dalla prima pubblicazione, il prossimo 25 ottobre sarà infatti nuovamente in vendita, in un doppio cofanetto da collezione, Lucio Dalla, album del 1979, l’ottavo firmato dal cantautore bolognese scomparso nel 2012 e considerato uno dei capisaldi della sua opera, ma anche della musica d’autore nazionale (tra i titoli in esso contenuti, Anna e Marco e L’anno che verrà).

Si tratterà di una esclusiva legacy edition limitata e rimasterizzata con l’aggiunta di 3 brani, tra cui Angeli, mai pubblicato nella versione in studio incisa da Lucio. Inizialmente prevista tra le tracce del disco, Angeli fu poi eseguita alla RSI svizzera (a Lugano, proprio dov’era ambientata la storia raccontata nel pezzo) nel 1978, e ufficialmente edita solo nel 2001.

Al tempo era infatti stata affidata a Bruno Lauzi, che decise di inserirla nel suo Qdisc Amici miei del 1981, e di interpretarla conservando la voce di Dalla nel ritornello.

Tornando alla legacy edition, il CD, contenuto anche nel cofanetto in vinile, includerà altri due pezzi vestiti con un abito inedito: Stella di mare in inglese, e Ma come fanno i marinai — da Banana Republic sempre del 1979, album live realizzato nel corso della gloriosa tournée negli stadi con Francesco De Gregori —, qui presentata così come registrata in studio dai due artisti.

Il tutto sarà accompagnato da un libretto di 24 pagine con le illustrazioni originali di Alessandro Baronciani e i contributi di Dente, Di Martino, Colapesce, Alessandro Colombini e Maurizio Biancani, raccolti per l’occasione da John Vignola. Sarà anche possibile acquistare una versione LP dell’album rimasterizzata a 24bit/192KHZ, la migliore definizione attualmente possibile, + 1 CD bonus con i 3 brani in versione inedita e un libretto da 12 pagine, + la stampa di una illustrazione di Baronciani in carta speciale 30×30 numerata a mano.

La Redazione giornalistica – Foto Spettakolo

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *