TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

POSTE DIPENDENTE RUBATI 300 MILA EURO BF

Poste Italiane: buoni fruttiferi, rubati 300 mila euro in Campania.
Poste Italiane di nuovo protagonista delle cronache. L’ultima truffa è stata effettuata sui buoni fruttiferi postali ed è riuscita a far guadagnare ai responsabili più di 300 mila euro.
Le indagini delle forze dell’ordine effettuate nelle ultime settimane, hanno comunque avuto esito positivo, unendo i puntini e smascherando il grosso raggiro. L’azienda Poste Italiane adesso si trova a fare controlli anche in altri uffici postali sparsi in ogni regione d’Italia per smascherare i ladri e denunciarli, oltre a quello di piazza Domenico Clemente di Cervinara dove è avvenuta la truffa. Ecco cosa è accaduto nel dettaglio.

I carabinieri della stazione di Cervinara hanno smascherato una truffa avuta luogo nell’ufficio postale di piazza Domenico Clemente. Le indagini sarebbero ancora in corso, ma per quanto si è venuto a sapere, la truffa è stata effettuata da un gruppo di persone, minimo 2, tra cui un dipendente dell’ufficio postale incriminato.
Più nel dettaglio, ciò che è accaduto ha riguardato una clonazione dei buoni fruttiferi postali riscossi allo sportello dell’ufficio postale negli orari in cui il dipendente indagato era in servizio. La falsificazione sarebbe stata effettuata usando il registro delle matrici. La contraffazione sarebbe avvenuta in modo quasi perfetto. Così come il sistema degli incassi, operato da un truffatore proveniente dalla provincia di Napoli, che veniva a riscuotere sempre quando il complice dipendente dell’ufficio postale era in servizio.

I carabinieri sono riusciti a risalire alle persone coinvolte nella truffa grazie all’incrocio dei video di sorveglianza registrati dalle telecamere. Le indagini sono iniziate alcune settimane fa e per il momento hanno incluso solo due nominativi nel registro degli indagati, tra cui il dipendente dell’ufficio. Tuttavia, potrebbero esserci anche altri complici in seno all’operazione e su questo fronte le indagini proseguono.

Inoltre, il metodo potrebbe essere stato utilizzato anche in altri uffici postali sparsi sul territorio nazionale. In tal senso Poste Italiane sta già effettuando le verifiche del caso in quasi tutti gli sportelli.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *