TOP Header adv (728×90)

MONTAGNA SEMPRE PIU’ UN PERICOLO

Un bambino di nove anni, C.P., è caduto in un dirupo mentre si trovava nei pressi del Rifugio Mirtillo, in Valbondione (Bergamo), riportando un grave trauma cranico. Il piccolo ha perso coscienza ed è stato intubato dal 118, che lo ha trasportato in codice rosso con l’elisoccorso all’ospedale pediatrico di Brescia. L’incidente è avvenuto intorno alle 14 a quasi 2 mila metri di quota.

Ieri, un’altra tragedia della montagna. Uno scialpinista tedesco è morto dopo essere precipitato per circa 400 metri mentre stava effettuando un’escursione sul gruppo del Sella tra la Val Gardena e la Val Badia, in Alto Adige.

Il corpo dell’uomo è stato individuato nella tarda serata dagli uomini del soccorso alpino anche grazie all’ausilio dell’elicottero dell’Aiut Alpin Doloimites, abilitato al volo notturno essendo dotato di speciali visori. La salma dell’escursionista è stata recuperata questa mattina. L’uomo, in vacanza in Alto Adige, era partito dal rifugio Pisciadu’ ma sulla via del rientro ha sbagliato il canalone imboccando una cascata di ghiaccio che non gli ha dato scampo. A lanciare l’allarme è stata la moglie che lo attendeva in albergo.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *