TOP Header adv (728×90)

MANITA DELLA SAMP SUL BRESCIA 5-1

l tabellino di Sampdoria-Brescia 5-1
Gol: 12′ Chancellor (B), 34′ Linetty (S), 45’+3 Jankto (S), 69′ rig. e 92′ Quagliarella (S), 77′ Caprari (S)

SAMPDORIA (4-4-2): Audero; Bereszynski (86′ Murillo), Chabot, Regini, Murru; Thorsby, Vieira, Linetty, Jankto; Quagliarella, Gabbiadini (76′ Caprari). All. Ranieri

BRESCIA (4-3-1-2): Joronen; Sabelli, Mangraviti, Chancellor, Mateyu; Bisoli, Viviani, Romulo; Spalek (69′ Ndoj); Balotelli, Torregrossa. All. Corini

Botta e risposta
La coppia d’attacco blucerchiata è Gabbiadini-Quagliarella. Per le Rondinelle, Spalek schierato trequartista a supporto di Torregrossa e Balotelli. Nel primo quarto d’ora, la Sampdoria tiene il possesso del pallone, e ci prova con Jankto e Quagliarella. Poi la doccia fredda: sugli sviluppi di un calcio d’angolo, Chancellor raccoglie di testa la sponda di Torregrossa e insacca (12′). Gli uomini più pericolosi per i blucerchiati sono ancora Jankto e Quagliarella: il primo lascia partire un destro a giro a fil di palo (18′); il secondo tutto solo spreca di testa all’altezza del dischetto (20′). È il preludio al pari, che arriva con Linetty (34′): Mateju rinvia male proprio sul polacco, che stoppa e di sinistro batte Joronen. I doriani acquistano maggiore sicurezza, e a fine primo tempo trovano il vantaggio con Jankto, bravo a insaccare con un potente sinistro su cross di Linetty (48′).

Quagliarella sale in cattedra
Di rientro dagli spogliatoi, un’occasione per parte. Linetty crossa per Quagliarella, che di testa manda sull’esterno della rete (49′). Due minuti dopo, Balotelli si libera bene del proprio marcatore ma davanti a Audero colpisce male. L’attaccante ex Marsiglia e Nizza si fa vedere più volte, servendo Viviani che manda di poco sopra la traversa e impegnando il portiere avversario su un insidioso tiro-cross. Al 68′ l’episodio che spacca il match: Mangraviti ostacola con un tocco di braccio il controllo in area di Thorsby, rigore e rete di Quagliarella, che torna a esultare allo stadio Ferraris dopo un digiuno durato 8 mesi. Al 72′ lo stesso attaccante blucerchiato sfiora l’incrocio dei pali. Le Rondinelle subiscono il colpo e al 76′ subiscono il quarto gol con il neoentrato Caprari, che mette dentro con un preciso colpo di testa. Al 90′ Quagliarella trova la doppietta con un pregevole tocco sotto a scavalcare Joronen.

I

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *