TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

LA PATATA D’ORO

Ha una polpa gialla e preziosa per la salute: non poteva che chiamarsi “patata d’oro”, l’ultima arrivata nel mondo dei superfood. Ricchissima di vitamine A ed E, è stata prodotta da ricercatori italiani inserendo nel Dna della patata tre geni isolati da un batterio innocuo per la salute.

Descritto in uno studio sulla rivista Plos One, il super tubero è capace di conservare inalterate le sue vitamine anche nella cottura, come hanno dimostrato i test condotti grazie a un simulatore dell’apparato digerente umano, completo di bocca, stomaco e intestino.

L’orto in laboratorio
La patata d’oro, che promette di essere utile per combattere le malattie legate alla carenza di vitamine soprattutto nei Paesi più poveri, è frutto di una ricerca decennale condotta al Centro Ricerche Casaccia dell’Enea, vicino Roma, sotto la guida di Giovanni Giuliano. Finanziato dal Ministero delle Politiche Agricole e dalla Commissione Europea, lo studio è stato condotto in collaborazione con il Centro di Ricerca per le Colture Industriali di Bologna e l’università americana dell’Ohio.
Quante vitamine!

Una porzione da 150 grammi di patata d’oro fornisce ai bambini il 42% del fabbisogno quotidiano di vitamina A e il 34% di quello di vitamina E. Alle donne apporta il 15% della quantità raccomandata di vitamina A e il 17% di quella di vitamina E

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *