TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

GELATO CHE BONTA’

Il gelato è il prodotto made in Italy per eccellenza. Non perchè gli altri paesi non lo facciano, per carità, ma sicuramente nella nostra penisola questo prodotto è uno dei più buoni al mondo e lo dimostra anche il fatto che viene esportato anche all’estero con successo planetario.

Per esempio nel cuore di Barcellona, in una traversa della Rambla, la gelateria che fa più successo è di proprietà di una famiglia di italiani che hanno fatto fortuna esportando questo fantastico prodotto nella città iberica.

Basti pensare che ogni anno in media ogni italiano consuma 12 chili di gelato, che non è un record mondiale nei consumi; però l’Italia vanta il primato del maggior numero di gelaterie, per l’esattezza 36.970 che hanno aumentato le vendite dell’8% arrivando a un giro d’affari superiore ai 2 miliardi di euro.

D’altronde con simili temperature, non gustarsi un cono o una coppetta con le enormi varietà di gustI presenti, sarebbe un peccato enorme, e infatti gli italiani non si pongono il problema, e non rinunciano mai a questa prelibatezza.

Ora spazio a un pò di patriottismo regionale e, permettete, anche provinciale.
L’Emilia Romagna è la terza regione in Italia per numero di concentrazioni artigianali, solo dietro a Lombardia e Veneto.

In una statistica condotta da “Dissapori” che ogni anno stilla la classifica delle migliori 100 gelaterie italiane, almeno 2 nelle ultime 50 posizioni sono anche cesenati il che è motivo di forte orgoglio.

Fanalino di coda, anche se è già un onore essere in questa classifica è la gelateria “Conserve Bio” a Cesena.
90° è invece la gelateria Leoni, in via Fratelli Bandiera.
Entrambe le botteghe offrono prodotti di ottima qualità, artigianali, freschi, e con gusti molto variegati, frutto di un grande lavoro del prodotto e di tanta pazienza e passione.

Per scoprire la classifica completa dei migliori negozi che vendono uno dei prodotti più amati d’Italia, visitate il sito www.dissapori.com

A cura di Giacomo Biondi

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *