TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

DELON PALMA D’ORO ALLA CARRIERA

“Questo premio non è per me ma per i grandi registi che mi hanno diretto. Non ci sono più, lo ritiro per loro, altrimenti avrei continuato a rifiutare”: un’ovazione ha accolto Alain Delon, Palma d’oro alla carriera oggi al Festival di Cannes. Il grande attore francese ha trasformato, con la sua energia e passione, l’incontro con il pubblico in una lezione di cinema, ma soprattutto si è lasciato andare ai ricordi, aneddoti, dettagli sulla sua lunga carriera. In tutto 95 film come attore, 30 da produttore, 3 come regista. L’ultima volta al cinema, con un guizzo autoironico, è stato un beffardo Giulio Cesare in “Asterix alle Olimpiadi”.

Altrettanto movimentata è stata la sua vita privata tra amori folli (Nathalie Delon, Jill Fouquet, Romy Schneider, Nico, Dalida, Mireille Darc, Rosalie Van Breemen), figli (nove), passioni pericolose (i cavalli, la boxe, il gioco), vita diventata sempre più malinconica con l’incedere degli anni. A Cannes, il mito del cinema francese si è commosso in più occasioni, come quando, dopo alcune scene di Rocco e i suoi fratelli, ha ricordato tra le lacrime Annie Girardot. Come omaggio, il Festival ha scelto di proiettare due dei suoi capolavori d’interpretazione meno noti: “Mr Klein” di Joseph Losey e “La prima notte di quiete” di Valerio Zurlini, entrambi restaurati per l’occasione. Nel corso della cerimonia, l’attore ha evocato la sua lunga vita sul set che ha attraversato sei decenni e si è commosso. “Mi sono sentito subito nel mio elemento” ha detto ricordando gli esordi. “La macchina da presa per me è una donna che guarda nei miei occhi”.

Delon ha quindi spiegato di aver accettato la Palma “in memoria” dei cineasti con cui ha girato. “Ero un primo violino, ma avevo direttori come von Karajan, eccezionali, René Clément, Luchino Visconti e Jean-Pierre Melville”.

Prima di andare, le lacrime: “Penso a questo come alla fine della mia carriera, alla fine della mia vita”, ha detto lasciando la sala con i presenti che gli hanno tributato un’ovazione durata oltre 10 minuti.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *