TOP Header adv (728×90)

CORONAVIRUS SONO LE 19:30

Continuano i preparativi per la Fase 2 dell’emergenza coronavirus in Italia. Secondo quanto rende noto la Protezione Civile nel suo bollettino del 29 aprile, continuano a calare i contagi. Sono 104.657, con una flessione di 548 positivi rispetto al dato precedente. Aumentano invece le vittime, arrivando a 27.682. Nelle ultime 24 ore sono morti 323 italiani.

I guariti raggiungono quota 71.252, con un incremento di 2.311. Ancora ricoverati in terapia intensiva ci sono 1.795 pazienti, 68 in meno rispetto alla rilevazione del 28 aprile, e 19.210 negli altri reparti, 513 in meno. In isolamento domiciliare fiduciario rimangono 83.652 persone.

In Italia l’80% delle persone attualmente positive al coronavirus, nello specifico 83.652 malati, è in isolamento senza sintomi o con sintomi lievi. Secondo quanto diffuso dalla Protezione Civile, inoltre, l’infezione è stata rilevata solo nel 3,2% dei pazienti sottoposti al tampone. Si tratta del dato più basso dall’inizio dell’mergenza.

Le persone che hanno contratto il Sars-Cov-2 in Italia, contando anche i guariti e i decessi, sono in tutto 203.591, con un incremento rispetto a ieri di 2.086. Complessivamente sono stati effettuati 1.313.460 tamponi, 63.827 in più rispetto alla giornata precedente.

Quanti e dove sono i positivi al coronavirus in Italia
Dai dati della Protezione Civile emerge che sono 36.122 i positivi in Lombardia (378 in più rispetto allo scorso bollettino), 11.862 in Emilia Romagna (-141), 15.521 in Piemonte (+15), 8.369 in Veneto (-232), 5.663 in Toscana (-233), 3.576 in Liguria (+5), 3.347 nelle Marche (+13), 4.535 nel Lazio (-27), 2.782 in Campania (-20), 1.463 in provincia di Trento (-102), 2.927 in Puglia (+8), 1.227 in Friuli Venezia Giulia (-12), 2.145 in Sicilia (+2), 1.976 in Abruzzo (-14), 845 nella provincia di Bolzano (-65), 261 in Umbria (-14), 761 in Sardegna (-11), 753 in Calabria (-11), 135 in Valle d’Aosta (-74), 194 in Basilicata (-11), 193 in Molise (-2).

La Redazione giornalistica – Fotolia

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *