TOP Header adv (728×90)

CIAO MARIO CI MANCHERAI

Se ne è andato in silenzio, quasi solo Mario Marenco. Per noi era un amico, un burlone, un personaggio stralunato televisivo alla Colonello Buttiglione o come Ricciardino. E’ stato autore e protagonista di innovativi programmi tv, spesso in compagnia di Renzo Arbore e Gianni Boncompagni, da “Alto Gradimento” a “L’altra domenica” fino a “Indietro tutta”.

L’attore e umorista è deceduto oggi al Policlinico Gemelli di Roma, all’età di 85 anni, per le complicazioni legate al suo stato di salute. Mario era nato a Foggia il 9 settembre 1933, Marenco si era laureato in architettura nel 1957 all’Università di Napoli, ottenendo poi borse di ricerca a Stoccolma e Chicago. Nel 1960 aveva aperto un atelier di architettura e design, lo Studio Degw con sede a Roma, collaborando con le più importanti case automobilistiche italiane per la realizzazione dei loro stand espositivi. Marenco debuttò in televisione con Cochi e Renato e Enzo Jannacci nel programma “Il buono e il cattivo” e raggiunse il successo nel 1970 con il programma radiofonico “Alto gradimento” scritto con Giorgio Bracardi e condotto dagli stessi Arbore e Boncompagni. Sporadicamente Marenco è stato attore per il cinema, portando le sue macchiette sul grande schermo: “Il colonnello Buttiglione diventa generale” (1974), “Von Buttiglione Sturmtruppenführer” (1977), “Il pap’occhio” (1980, diretto da Renzo Arbore), “I carabbinieri” (1981), “Vigili e vigilesse” (1982) “FF.SS.” – Cioè: “…che mi hai portato a fare sopra a Posillipo se non mi vuoi più bene?” (1983, diretto sempre da Arbore), “Sing – Il sogno di Brooklyn” (1989).

Marenco è stato autore di libri umoristici editi da Rizzoli, tra cui “Lo scarafo nella brodazza”, “Dal nostro inviato speciale”, “Los Puttanados”, “Stupefax” e “Il quaderno delle poesie”. Nel 2006 si esibì in coppia col performer Nicola Vicidomini. Sempre con quest’ultimo, nel 2007 ha curato la codirezione artistica della rassegna Salvaguardia Testa Festival a Roma.

Lo ricordo bene ancora come se fosse tra noi, a casa mia in una serata estiva, con amici del cuore come come Walther e Beppe. Una macchietta come poche, amante del Sangiovese, ma pure di un ottimo prosecco, per non parlare del pesce crudo e fresco appena pescato. Tra una battuta e l’altra mi chiese di accendere lo schermo televisivo perchè amava il tennis lo sport che preferiva di più. Ci dovevamo rivedere a Roma, ma il destino ci ha tenuto lontani e oggi dopo la sua scomparsa siamo un po’ tutti sotto choc come lo stesso Arbore.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *