TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

CESENA ORE CONTATE C’E’ IL SECONDO NO!

L’Agenzia delle Entrate ha detto per la seconda volta no allo spalma debiti riproposto dal club bianconero che prevedeva un abbattimento delle esposizioni del club sino a 20 milioni di euro degli oltre 50 complessivi con nuove garanzie fidejussorie. La società se non pagherà entro oggi gli stipendi e il presidente Giorgio Lugaresi non iscriverà la squadra in Serie B, il fallimento è davvero dietro l’angolo!

Ore concitate, contate e di lacrime per il Cesena Calcio. Quasi ottant’anni di storia stanno per essere cancellati da una valanga, seppelliti da una montagna di debiti. L’Agenzia delle Entrate di Bologna ha, infatti, bocciato il nuovo piano riformulato dalla società romagnola di rientro dai debiti, circa 50 milioni di euro accumulatisi dall’anno della Serie A in avanti sino a travolgere la società.

La nuova proposta di rientro dai debiti prevedeva un abbattimento sostanziale delle esposizioni verso il fisco sanabili in 20 anni. I tecnici dell’erario avevano chiesto nuove garanzie fidejussorie presentate dai contabili del patron Giorgio Lugaresi che aveva fatto trapelare la sua disperazione sui media sino a confessare di aver pensato a gesti estremi. Ma nulla è servito ad evitare che si arrivasse a un salvataggio dello storico club romagnolo, nonostante gli appelli e la mobilitazione della tifoseria e della città.

Entro oggi bisognava pagare le ultime tre mensilità di stipendi della passata stagione che non verranno liquidati ai tesserati. E’ il primo passo sostanziale verso la mancata iscrizione del Cesena in B e, molto probabilmente, verso il fallimento.

Il Direttore editoriale Carlo Costantini – Foto Vittorio Calbucci

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *