TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

CERNOBBIO IMPRENDITORI PREOCCUPATI

E’ partita la 41esima edizione del Forum Ambrosetti a Cernobbio. Sono oltre 200 gli imprenditori presenti al Forum ‘Lo scenario di oggi e domani per le strategie competitive’ organizzato da The European House – Ambrosetti.

I partecipanti al consesso incalzati dal primo televoto, che ha indagato sulle loro principali preoccupazioni, hanno evidenziato quelli che sono i fattori che avranno un maggiore impatto sulla stabilità globale. Essi sono: il protezionismo commerciale, la questione migranti ed il populismo.

I dazi indubbiamente preoccupano molto gli imprenditori riuniti a Cernobbio per il Forum Ambrosetti. Secondo il 63,4% dei partecipanti le implicazioni del protezionismo commerciale avranno l’impatto maggiore sulla stabilità globale. Al secondo posto del sondaggio ci sono i migranti e il controllo delle frontiere, indicato dal 40,9% degli imprenditori. Più indietro la diffusione del populismo in Europa (38%) e le minacce cibernetiche e fake news (36,6%). Molto più staccati altri elementi come l’egemonia economica cinese (28,2%).

Pochi timori da parte degli intervistati, che potevano indicare tre preferenze, per quanto riguarda le tensioni Usa e Iran nel Golfo: un pericolo per il 16,9% della platea. Le frizioni dell’Europa con la Russia raccolgono l’11,3% delle preferenze; molto basso invece l’impatto previsto per il diffondersi del jihadismo in Stati instabili. Quasi nulli i timori per le proteste anti-cinesi a Hong Kong indicato solo dal 4,2% degli imprenditori. Peggiorano invece le aspettative degli imprenditori e le stime per 2019 che per quanto riguarda fatturato e occupazione sono in calo. Tiene la propensione agli investimenti. Rispetto allo scorso anno, gli oltre 200 imprenditori evidenziano un calo delle performance delle proprie imprese.

Se nel 2018 a giudicare in positivo l’andamento era stato il 74,2%, quest’anno la percentuale è scesa al 60,1%. Per quanto riguarda l’occupazione, anche le previsioni di crescita degli organici presentano indici in flessione.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *