TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

CANDIDA E I SEGRETI DELLA GRAFOLOGIA

Candida Livatino e i segreti della Grafologia

Fammi vedere come scrivi e ti dirò chi sei. Attraverso la scrittura, attraverso la nostra grafia si possono scoprire tante cose su di noi, sul nostro conto, su chi siamo e chi vorremmo essere. E’ un po’ come lo specchio della nostra anima, una porta da aprire per conoscersi meglio. Coloro che cercando di aprire questa porta si chiamano Grafologi e la scienza che studia il modo di scrivere è la Grafologia. Tutti ne abbiamo sentito parlare ma non tutti sanno esattamente di cosa si tratta. Per rispondere alle nostre domande abbiamo contattato una grafologa, scrittrice e giornalista molto capace, che gode di una certa fama, il suo nome è Candida Livatino e risiede a Milano.

Quanto si può capire di una persona dalla sua scrittura?
‘L’analisi della grafia consente di comporre un profilo della personalità di chi ha scritto, sia per quanto attiene alla sua sfera privata (analisi del testo), sia per quanto riguarda il suo modo di relazionarsi nel sociale (analisi della firma). La scrittura riflette le esperienze che la persona ha vissuto, i sentimenti, le paure e le gioie che hanno caratterizzato la sua esistenza, ma anche gli stati d’animo momentanei, che ne condizionano i comportamenti.’

Da quanto veste i panni della Grafologa?
‘Ormai da molti anni, grazie ad uno di quegli eventi che cambiano la vita. Mio figlio scriveva in modo incomprensibile alle elementari e, quando è passato alle medie, la cosa non era più accettata dagli insegnanti. ‘Sembra che scriva in arabo’, mi dicevano. Così, per aiutare lui, mi sono rivolta ad una grafologa ed è stato amore immediato per questa scienza. Ironia della sorte ora mio figlio scrive veramente in arabo, forse meglio che in italiano.’

E’ stato un percorso difficile il suo?
‘Rimettersi sui banchi di scuola non più giovanissima non è stato facile, ma ha prevalso prima la curiosità e poi l’entusiasmo. Ho conseguito prima il diploma poi alcune specializzazioni, sempre più convinta che questo sarebbe stato il mio nuovo lavoro. Sono stata anche fortunata e ce l’ho fatta.’

Che tipo di persone si rivolgono a lei e perché?
‘Per i profili di personalità le richieste dirette arrivano dalle persone più varie, quelle indirette dipendono dal tipo di lettore delle riviste con le quali collaboro. Ogni tanto faccio consulenza anche per la selezione del personale e per le dispute sull’autenticità o meno di un testo o di una firma.’

Perché le piace così tanto questo lavoro?
‘Il mio è veramente un lavoro bellissimo, perché mi consente di aiutare le persone a conoscersi meglio. Quello che emerge dall’analisi della loro grafia le aiuta a prendere coscienza dei loro punti di forza o di debolezza e delle problematiche che ancora non sono riuscite a risolvere.’

E’ anche una giornalista pubblicista, vero?

‘Si, lo sono e, quando è possibile, mi piace scrivere articoli su temi diversi, come l’importanza di scrivere a mano o l’analisi dei disegni dei bambini.’

Lei si reputa una professionista in gamba in questo campo?
‘Di sicuro faccio il mio lavoro con grande passione e questo viene percepito da coloro con i quali mi relaziono. Non spetta a me dire se sono brava, ma i riscontri che ho sono quasi sempre positivi.’

Si aspettava tutta questa attenzione da parte di media e tv?

‘All’inizio no. Poi, con il tempo, ho capito che il mio modo di scrivere e parlare, con semplicità per essere compresa da tutti, piaceva ai lettori ed al pubblico radiofonico e televisivo. Anche nei mie tre libri, il più recente è ‘Scrivere con il cuore’ , mi rivolgo ad un lettore incuriosito dalla grafologia, con un linguaggio semplice e chiaro, non certo da manuale per addetti ai lavori. Forse è proprio questo che viene apprezzato dalla gente.’

Quale è stata la grafia più importante che ha analizzato?

‘Ho analizzato le scritture di Verdi, Beethoven e Mozart, la firma di Obama, quella di Trump e, in occasione del summit di Roma quelle dei capi di Stato Europei. Recentemente ho anche analizzato la firma di Macron, ma la scrittura che più mi è rimasta nel cuore è quella di Papa Francesco.’

Se volete saperne di più su Candida Livatino e la Grafologia visitate il sito: www.livatinocandida.it.

A cura di Nicola Luccarelli

Articoli correlati

1 Commento

  1. giacomo tulumello

    Seguo da tanti anni la Dott/ssa Candida Livatino,debbo riconoscere che la stessa oltre che essere una bella donna e un’ottima analizzatrice della scienza grafologica,oltre che una colta autrice dei suoi libri che ho letto tutti con interesse i suoi interventi sui vari canali televisivi di Mediaset la rendono simpatica a tutti mi congratulo con leiper la sua alta professionalità

    Reply

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *