TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

BUONA LA PRIMA PER GLI AZZURRINI

Chi ben comincia è a metà dell’opera, diceva qualcuno. L’Italia, vincendo al debutto degli Europei Under 21 in quel di Polonia, ha costruito una buona base da cui spiccare il volo. Gli azzurrini si sono sbarazzati dei biancorossi di Danimarca con un secco 2-0. Tutto è accaduto nel secondo tempo, perché nel primo (come accadde spesso anche alla nazionale maggiore), abbiamo tirato un po’ il freno a mano. Questo freno, però, nel secondo tempo lo abbiamo finalmente abbassato, centrando il vantaggio con una prodezza di Pellegrini del Sassuolo e il bis calato da ‘Hulk’ Petagna. Abbiamo portato a casa il successo alla prima della competizione, dovevamo vincere e ci siamo riusciti, quindi bene così nel girone C.

Da sottolineare, nel secondo tempo, la spinta apportata in avanti da un incontenibile Enrico Chiesa (entrato nel s.t al posto di Berardi), che ha fatto salire molto la squadra con le sue sgroppate pungenti. Tale padre tale figlio e si vede! Ma al di là di questo, abbiamo una rosa all’altezza della situazione, dalla porta all’ultimo attaccante, dovremo avere solo le palle (scusate il francesismo), di crederci un po’ di più, tutto qui.

Anche la Germania ha regolato la pratica Repubblica ceca per 2-0 e i tedeschi sono sempre i tedeschi, quindi occhio alla penna! Intanto, però, prima della sfida ai tedeschi (che è sempre un grande classico del calcio europeo e mondiale), ci attende la gara più importante: quella di mercoledì con i cechi. Concentrazione al massimo, calma e sangue freddo, determinazione e voglia di vincere, dovrà far vedere questo la truppa di mister Gigi di Biagio. Perché noi siamo l’Italia, quella dei grandi, quella dei piccoli, abbiamo insegnato calcio a tutti e nessuno deve pensare di essere un passo avanti a noi. La prima è andata, ora tocca alla seconda e se vogliamo arrivare alla terza senza avere l’acqua alla gola, dobbiamo dare tutto e forse qualcosina di più!

A cura di Nicola Luccarelli

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *