TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

BASKET CESENA ALL’ULTIMO RESPIRO

BASKERS FORLIMPOPOLI – CESENA BASKET 2005 72 – 76 (11 – 19, 36 – 32, 46 -61)
Baskers Forlimpopoli: Rossi Filippo, Rossi Enrico 5, Rombaldoni 16, Piani 14, Biffi, Cortini 20, Monday 2, Evangelisti 6, Neri, Biscaro 5, Guaglione 2, Lotti 2. All. Saragoni

Cesena Basket 2005: Montalti 7, Rossi Federico 8, Zoboli 19, Vandelli 2, Babbini 12, Pezzi, Benzi, Ambrogi 6, Tagliafierro 2, Dal Monte, Dell’omo 12, Balestri 8. All. Ruggeri

Arbitri: Belletti e Alberti di Bologna

Dopo quattro prove incolori e altrettante sconfitte brucianti con almeno tre squadre tutt’altro che trascendentali (Imola, Budrio e Welcome Bologna), arriva da Forlimpopoli la più inattesa reazione della banda di coach Ruggeri che sul campo della seconda forza del giorne si impone a sorpresa al termine di una gara maiuscola e avvincente. Memori del blitz di un anno fa sul campo dell’ Artusiana, saliamo a Forlimpopoli con la remota illusione che si possa ripetere l’impresa e torniamo a casa con la convinzione che effettivamente la terra di Frampula, ultimamente, ci porti bene. Inizio arrembante dei ragazzi che aggrediscono il match con una determinazione feroce e prendono il largo al cospetto degli imbambolati padroni di casa. Zoboli si incunea in area e prende falli, Babbini spara due triple in sequenza e il vantaggio sale a livelli impensabili (18 a 6). Coach Saragoni ha un diavolo per capello e rimescola le carte in campo trovando un infallibile Cortini e schierando i suoi a zona per un riavvicinamento che si concretizza ad inizio secondo quarto, proseguito con un sorpasso foriero di possibile fuga. La tripla di Piani certifica il + 5 (30 a 25) ma risponde subito Zoboli e il quarto si chiude con uno svantaggio tutt’altro che preoccupante. Terza frazione vero e proprio capolavoro dei nostri che concedono pochissimo ai padroni di casa (appena 10 punti) ma si scatenano in attacco firmando un clamoroso parziale di 29 a 10, in particolare con un imprendibile Dell’omo che ne mette 10 nel quarto. Si comincia l’ultimo quarto avanti di 15 (61 a 46) ma la reazione dei Baskers tanto temuta si concretizza con una furiosa rimonta guidata dal solito Cortini e costruita su una impenetrabile zona 3/2 (efficacie soprattutto per le misure ridotte del campo) che spegne momentaneamente le nostre bocche da fuoco. In 5 minuti siamo nuovamente in parità (63 a 63) poi è un susseguirsi di alternanze al comando senza vantaggi consistenti ne per l’una ne per l’altra. A poco più di 2 minuti dal gong finale siamo sotto di 2 (66 a 68) ma rrivano in sequenza un canestro di Dell’omo, un libero di Zoboli e due di Montalti per un mini allungo di 3 punti (71 a 68) che Rombaldoni ricuce subito ad una sola lunghezza. La svolta arriva a meno di un minuto dal termine con Zoboli che sulla sirena dei 24 secondi infila la tripla del + 4 costringendo i Baskers a forzare il gioco d’attacco; Piani sbaglia la tripla del possibile – 1, Zoboli prende il rimbalzo in difesa e subisce fallo. Si accende un piccolo parapiglia e gli arbitri decretano due falli tecnici (uno a Piani e uno a Cortini) che mandano Babbini e Zoboli in lunetta. Di quattro tiri liberi ne entrano solo due, ma sono sufficienti a siglare il + 6 che viene di poco ridotto dall’ultimo canestro di Enrico Rossi. Siamo tutti increduli ma è già festa in mezzo al campo, in tribuna e subito dopo nello spogliatoio.

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *