TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)
TOP Header adv (728×90)

FOCUS SULLA SERIE A: LECCE

Salire di due categorie in due stagioni è certamente entusiasmante, ma finisce per essere anche pericoloso, perché si corre il rischio di tornare altrettanto velocemente dal punto di partenza; nelle ultime stagioni gli esempi non mancano certo è proprio per questo a Lecce hanno cercato di mettere insieme una formazione competitiva.

Se siano riusciti nel loro intento, lo scopriremo cammin facendo, magari senza prendere a parametro le prime due giornate, con le quattro reti subite dall’Inter e la sconfitta interna (questa molto più dolorosa) ad opera di un Verona che è da considerare rivale nella lotta per la salvezza, oltre che altra neopromossa.

Certo a Lecce non mancherà mai il tifo, viste le 18.662 tessere staccate, per il nuovo record di abbonati della Società Salentina, a festeggiare più che degnamente il ritorno nella massima serie dopo sette anni.

Artefice di questo salto doppio è stato senza ombra di dubbio mister Liverani che, presa in mano la squadra nel corso della stagione 2017/18, in Serie C, l’ha condotta dai campi di provincia fino a confrontarsi con le grandi del pallone nazionale.

Il mercato leccese ha dovuto pertanto tenere conto di quanto si sia alzata l’asticella e sono parecchi i nuovi calciatori arrivati a vestire il giallorosso pugliese (da non confondere con quello governativo), con un mix di ragazzi esperti e di giovani, di qualcuno in cerca di rilancio ed altri che vogliono confermare le ultime buone annate.

Quali saranno le possibilità leccesi non è facile prevederlo, perché l’inizio non è stato facile ed alla ripresa, ad attendere Liverani e la sua banda, ci sarà la trasferta sul campo del Torino; roba proibitiva a dirla così è con il rischio di rimanere inchiodati a quota zero.

Perdersi d’animo però non è nelle corde del mister, oltre che di tutto l’ambiente salentino, che vuole rispettare il detto che non c’è il due senza il tre, anche quando si tratta di “miracoli”, sportivi, beninteso!

Il Direttore responsabile Maurizio Vigliani – Foto Lapresse

Articoli correlati

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *